martedì 15 marzo 2011

partendo da galline e conigli e arrivando ....

Sarà un post lungo... molto lungo perchè la prendo larga, concedetemelo una volta di più. Questa mattina ero alla mensa, abbiamo acquistato kg 4 o 5 di piselli freschi bio, bellissimi, freschissimi, la mia collega, socia, aiutante, vicina di casa mi dice:"certo che se ci fossero ancora i conigli di tuo suocero, con questi bacelli sarebbero felicissimi, ma da quanti anni non avete più i conigli e le galline?", le spiego che saranno 20 anni, da quando le normative proibiscono l'allevamento in zone abitate di galline, conigli .... ecc, in più la faccio riflettere sul fatto che non si possono più bruciare, anche in orari stabiliti, le foglie, i rami secchi ecc. adirittura il ns. sindaco ha proibito l'uso di camini, stufe ecc. ma allora è meglio ricevere radiazioni..... che non vedi, non annusi, non ti impuzzano la biancheria, ma ti ammazzano! Siamo schiavi/e, io per prima della corrente, se non c'è non fai nulla, non funziona nulla, in case relativamente moderne, come la mia, se salta la corrente, ce ne stiamo al buio, al freddo, senza collegamenti telefonici, mi sento, ci sentiamo perse! a ben pensarci è folle tutto ciò, eppure siamo, sono schiava di queste risorse. Poi mi arrabbio moltissimo e penso che per migliaia di anni i nostri antenati si sono scaldati con il fuoco di legna, i boschi erano puliti, c'erano migliaia di frane in meno, certo la vita era molto + dura, però il tutto vale il rischio.... sono la prima che si muove in auto da sola tutti i giorni per andare al lavoro, e prendo la scusa che i mezzi pubblici sono scarsi e poco efficienti, per cui  non posso, non devo, essere così dura nei giudizi.
Cambio argomento ma sono altrettanto allibita, stavo lavando i piatti e sento alla radio, all'anteprima dei titoli dei TG,  che la povera Yara forse non è morta subito, che ha avuto una lunga agonia... sono indignatissima, è il caso.... è necessario sapere certe cose... sicuramente per qualcuno sì, ma non dico di dire bugie, ma omettiamo questi particolari che io ritengo truculenti, servono solo per saziare curiosità morbose, ma pensiamo a quei poveri genitori che vengono a sapere che la loro bimba è rimasta per un certo tempo a soffrire prima di morire, già è allucinante avere la certezza che tua figlia è morta, ma servono i dettagli....
E' il mio parere ma certe cose non è proprio necessario dirle, un pò di censura sui dettagli forse non guasterebbe.

6 commenti:

  1. Sono totalmente d'accordo con te!

    RispondiElimina
  2. Hai perfettamente ragione, certe cose potrebbero non dirle! E per il resto..quante volte dico a mio figlio che stavano meglio prima, quando non c'era niente ma gioivi per le piccole cose di tutti i giorni, adesso non si apprezza più niente e siamo tutti più tristi e cattivi!

    RispondiElimina
  3. Ultimamente e' un vero schifo in tutti i campi..guardiamo a quello che 'e successo in Giappone..adesso la Germania ha avuto un ripensamento sulle centrali nucleari..ma prima non lo spaevano che erano pericolose? e noi come al solito ..niente..hai sentito della pazza che ha ucciso 120 gattini alle porte di Milano? hanno messo una taglia di 6000 euro e grazie a delle sgnalazioni hanno individuato una donna di 50 anni..ma tu pensi che le facciano qualcosa? io le farei fare la stessa fine che ha fatto fare lei a quei piccoli cuccioli indifesi!
    Laura

    RispondiElimina
  4. Quante cose brutte, ragazze...
    Anch'io ho avuto un brivido a sentire quel particolare sulla morte della piccola Yara ed ho avuto i tuoi stessi pensieri: avrei preferito anch'io un pò di censura!
    E se penso che mia nonna -83 anni quest'anno!- ha sempre e da sempre pulito il suo castagneto (privato, con tanto di recinzione e lontano dalle case!) bruciando il fogliame e badando bene di non lasciare incustodito il fuoco, fino a quando un pomeriggio s'è vista arrivare un paio di agenti forestali ad intimargli di spegnerlo e minacciarla di verbale... povera nonna, quante ne deve ancora vedere!!!
    Dilemma: meglio bruciare le foglie o gettarle in discarica? ...meditate, gente, meditate...
    Era meglio quando si stava peggio...
    Un bacione, Giò...

    RispondiElimina
  5. Solo un commento lapidario alle tue considerazioni: PAROLE SANTE!!!!! Un bacione, Nadia

    RispondiElimina
  6. Cara Gio, condivido su tutto! Io sono tra le fortunate che abita in campagna e so ancora cos'è un pollo o un coniglio vero, ma come te senza le mille comodità di tutti i giorni sarei persa, pensa che ieri per mezza giornata è mancata l'acqua e non ti dico i disagi. Siamo tutti troppo comodi, non potremmo rinunciare alle comodità! Ti abbraccio e ti auguro un buon 17 Marzo. A presto Lara

    RispondiElimina